UCRAINA: L’Esperienza di un Infermiere CIVES nell’Hub di Frontiera

Ripubbichiamo con piacere l’Esperienza di Grzegorz Jerzy Paszek, Infermiere CIVES, dislocato fino alla scorsa settimana all’Hub Fernetti, al confine Italiano. Sono due gli Hub Italiani attualmente presidiati anche dagli Infermieri CIVES che attualmente svolgono supporto per i cittadini in fuga dalla guerra in Ucraina.

“Buongiorno,
Sono rientrato alla realtà quotidiana, ma la testa è rimasta ancora altrove, vagando nella mente per le situazioni, per le nostre azioni che abbiamo vissuto per 7 giorni. Rimasta lì perché quello che ho fatto (che abbiamo fatto) quasi sembrerebbe che non ci appartiene piu. Non ci appartiene più nella vita di tutti i giorni fare quelle piccole cose che ci sembrano superflue, che forse abbiamo perso strada facendo. In certe circostanze basta davvero poco per ricevere, per strappare  dall’altra parte un sorriso, sentire un sollievo del prossimo, un momento di tranquillità.  Queste risposte sono molto piu paganti di qualsiasi altra cosa. Questa è stata la mia I° missione e non sarà sicuramente ultima. Sono partito come l’infermiere e sono tornato non solo come infermiere ma anche come  un uomo arricchito. La mia l’anima è tornata arricchita. Per chi ha un po’ di voglia di fare bene al prossimo, questo tipo di esperienza ti riesce ricaricare per fare ancora di più. Io vi ringrazio che mi avete permesso di far parte di un team di persone straordinarie che ho incontrato al hub di Fernetti, tutti uniti  con lo stesso scopo. Grazie a tutti”

Grzegorz Jerzy Paszek

One Reply to “UCRAINA: L’Esperienza di un Infermiere CIVES nell’Hub di Frontiera”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.